Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.
Per ottenere maggiori informazioniClicca qui

-

Siamo anche su...

Condividi il sito

Facebook

Dal Salso all’Aretusa: fertilità visive. Mostra a Palazzo Moncada

“Dal Salso all’Aretusa: fertilità visive” è il titolo di una grande collettiva di artisti siciliani che sarà inaugurata nelle sale espositive di Palazzo Moncada, domenica 18 maggio 2014, alle ore 18,00.
Il titolo è indicativo di un ampio arco geografico che è anche uno spazio storico di cultura e civiltà. Un territorio che va dal fiume Salso alla Fonte Aretusa, attraverso i territori del comisano e del catanese, che nel tempo ha espresso significative presenze nel campo della letteratura, della storia e dell’arte.
E’ proprio da quest’ultimo punto di vista che prende forma la mostra che ha carattere itinerante e che, dopo l’evento di Caltanisssetta, si sposterà a Comiso, a Siracusa e a Catania. La mostra, curata dal critico Diego Gulizia, infatti presenterà opere di artisti provenienti da queste città nelle quali operano singolarmente e in gruppo, offrendo un ventaglio di esperienze artistiche che mettono in risalto alcuni aspetti dell’arte siciliana che con le sue ricerche offre un importante contributo a quella che è la fenomenologia dell’arte contemporanea. Tra questi alcuni artisti nisseni, il Gruppo Bai di Comiso, cinque artisti di Siracusa e alcuni artisti del catanese che orbitano attorno allo Spazio Vitale di Catania. La mostra quindi, per il suo particolare carattere, si presenta come un evento poliedrico, abbordabile attraverso diversi codici di lettura, che permette di identificare un interessante campionario di espressioni artistiche, ed esperienze di ricerca all’interno del vasto,  complesso e variegato panorama che caratterizza l’arte contemporanea e che è denso di richiami storici, di stili e nello stesso tempo di linguaggi fertili che vanno dalla pittura, alla scultura, alla fotografia, all’installazione.
La mostra, che è patrocinata dal Comune di Caltanissetta, è organizzata dalla Pro Loco e dall’Associazione Culturale Città Viva.  
Rimarrà aperta fino al 31 maggio e si presenta anche, per il suo respiro regionale, di particolare interesse per il suo carattere divulgativo che permette di leggere un modo di essere di una sicilianità che trova radici nella storia della nostra terra e che, nella  poliedricità delle sue espressioni, si inserisce con continuità nel territorio ampio dell’arte del nostro tempo.
Gli artisti nisseni che espongono sono: Maurizio Alaimo, Salvatore Alessi, Paolo Amico, Marco Bruno, Oscar Carnicelli, Michele Lambo, Salvatore Salamone, Attilio Scimone, Franco Spena,  e Agostino Tulumello.
Gli artisti di Comiso sono: Vittorio Balcone, Enza Cantelli, Giovanni De Nicola, Atanasio Giuseppe Elia, Luigi Galofaro, Emanuele Licata, Michele Licata, Raffaele Romano, Gesualdo Spampinato, Mario Vitale.
Dal comprensorio siracusano provengono Salvo Bonnici, Salvatore Canigiula, Gino Cilio, Pino Forzisi e Giuseppe Trovato.
Gli artisti catanesi presenti sono: Giovanni Compagnino, Giuseppe Corradino, Orazio D’Emanuele, Concetta De Pasquale, Giuseppe Livio, Carmelo Micalizzi e Nuccio Squillaci.

Archivio Nisseno

Archivio Nisseno

Newsletter

 Per iscriversi al servizio di newsletter dell'associazione cliccare sul logo qui di seguito e seguire le istruzioni

In alternativa inviare una richiesta di iscrizione all'indirizzo caltanissetta@storiapatria.info



Società Nissena di Storia Patria

Via Due Fontane n. 51, 93100 Caltanissetta
Tel/Fax 0934.595212
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Archivio Nisseno

ISSN 1974-3416
Autorizzazione del Tribunale di Caltanissetta n. 205 del 25 luglio 2007

Copyright

Il sito e tutti i suoi contenuti sono di proprietà di "Associazione Nissena di Storia Patria" o dei rispettivi proprietari, quando specificato. Tutti i diritti sono riservati


©2015 Società Nissena di Storia Patria. Powered by Benedetto Mazzurco.